MENU
Il contenuto della pagina inizia qui

Fracking

Il fracking descrive la «rottura» delle rocce sotterranee. A questo scopo, viene iniettato liquido ad alta pressione negli strati profondi della roccia per produrre un sistema di fratturazione e aumentare la permeabilità della roccia.

La tecnica è stata utilizzata dopo la seconda guerra mondiale, inizialmente per l’estrazione convenzionale di petrolio e gas. A seguito del miglioramento della tecnica di estrazione e dei prezzi più elevati del gas, ora il fracking viene utilizzato per sfruttare riserve di gas di argilla difficilmente raggiungibili (risorse di gas non convenzionale). Nell’estrazione da depositi di petrolio e gas convenzionali e non convenzionali viene utilizzato il cosiddetto fracking idraulico. La pressione dei pori nelle fratture presenti o nuove ed espansibili viene aumentata a livello locale così tanto che supera la pressione della roccia prevalente locale. Ciò si traduce principalmente in crepe da trazione e meno in fessure di taglio, quindi in un’espansione della roccia senza spostamento pesante, cioè senza terremoti in senso classico. Le scosse innescate durante l’apertura e l’ampliamento della frattura sono minori e presentano una minor energia in base alla fisica del processo e causano raramente terremoti significativi (CFG "Risques, potentiels et opportunités liés à la fracturation hydraulique (fracking)"). Le crepe si richiuderebbero in gran parte se la pressione diminuisse. Pertanto, si utilizzano i cosiddetti proponent, cioè additivi come piccoli granelli di sabbia che mantengono le fratture aperte. Tuttavia, anche nel contesto del fracking per progetti relativi a petrolio e gas non convenzionali si sono già verificati terremoti fino a una magnitudo 4.8 (Canada). Tali terremoti si verificano quando la frattura si sviluppa in faglie già esistenti e aperte.

Nello sfruttamento di serbatoi geotermici viene applicata una tecnica correlata detta hydroshearing, che prevede la trivellazione di sistemi di fratture naturali esistenti per produrre fessure di taglio. La pressione dei pori è inferiore rispetto al fracking idraulico, cioè la pressione locale delle rocce prevalente non viene solitamente superata (Conference Paper "Pros and Cons of Hydraulic Fracturing and Hydraulic Shearing for Deep Reservoir Stimulation") (acatech "Hydraulic Fracturing - Eine Technologie in der Diskussion"). A differenza dello sfruttamento dei depositi di gas convenzionali e non convenzionali, l’energia geotermica profonda non è assolutamente dipendente da materiali di supporto o da additivi chimici. Per lo sfruttamento di progetti di energia geotermica profonda sono richieste inoltre meno perforazioni rispetto alla produzione di gas non convenzionale, riducendo i requisiti di spazio e la quantità di liquido di perforazione richiesto.

Le risorse di gas non convenzionale sono state finora sfruttate principalmente negli Stati Uniti e in Canada. Non è attualmente sicuro che in Svizzera venga prodotto gas non convenzionale. I motivi sono il potenziale ignoto di gas da argille in Svizzera, il fatto che si tratta di una risorsa non rinnovabile e gli elevati requisiti di spazio che potrebbero tradursi in conflitti d’uso (SCNAT "Une technologie sous la loupe: le fracking").