MENU
Il contenuto della pagina inizia qui

Pericolosità sismica Svizzera 2004

I terremoti sono una seria minaccia per la Svizzera. La stima della pericolosità sismica è il primo passo per valutare e limitare il rischio sismico. Per la determinazione della pericolosità sismica utilizziamo informazioni regionali dei terremoti storici, della tettonica e della geologia, delle descrizioni storiche dei danni e modelli di propagazione delle onde sismiche.

In queste pagine presentiamo i risultati probabilistici di pericolosità sismica in Svizzera 2004. Questa analisi va a sostituire le mappe della pericolosità sismica del 1976, che si basavano su stime di intensità.

Mappa della pericolosità: expected ground motion for a return period of 475 years at 5 Hz.

Sulla base di una revisione della magnitudo-momento del catalogo sismico degli anni dal 1300 al 2002 sono stati determinati i parametri di ricorrenza (valore-a, valore-b e Mmax) per due zonazioni sismo-tettoniche, caratterizzate da due differenti periodi di completezza. Per calcolare i nuovi valori e il loro peso relativo, abbiamo introdotti un nuovo metodo, che si basa sul criterio di informazione bayesiano. Sulla base di queste conoscenze è stato compilato un catalogo sismico sintetico della durata di un milione di anni, il quale tiene in considerazione la differente distribuzione della profondità ipocentrale tra la zona prealpina ed alpina. L’accelerazione orizzontale del suolo della Svizzera è stata stimata sulla base di un nuovo modello predittivo spettrale dell’attenuazione del movimento del suolo, su nuovi modelli di scala per le frequenze da 0.5 a 12 Hz e su periodi di ritorno di 100, 475, 1000, 2500 e 10.000 anni.

La frequenza di 5 Hz corrisponde alla media della frequenza propria di edifici da 2 a 5 piani, i quali costituiscono la maggioranza delle costruzioni svizzere. Le regioni con moderata pericolosità sismica sulla carta sono colorate in blu. In questi luoghi entro i prossimi 475 si attendono scuotimenti e danni in media scarsi. Nelle zone con elevata pericolosità sismica (dall’arancione al rosso) si attendono invece, forti movimenti del terreno ed elevati danni. Si tratta per lo più di aree in cui negli ultimi 800 anni si sono già verificati forti terremoti: il Vallese, la regione di Basilea, i Grigioni ed il fronte alpino. La pericolosità sismica di cui si è finora parlato, è alla base della norma anti-sismica SIA 261, che è in vigore dal 2004.

Pericolosità sismica 2004 (PDF)

Rapporto sulla pericolosità

Il rapporto "Seismic Hazard Assessment of Switzerland, 2004" è disponibile in Formato PDF.